Ente di Gestione delle Aree Protette del Ticino e del Lago Maggiore
Stemma/Logo Ente di Gestione delle Aree Protette del Ticino e del Lago MaggioreEnte di Gestione delle Aree Protette del Ticino e del Lago Maggiore
Home -> Aree Protette -> Baragge e Bessa -> Scheda


Riserva Naturale della Bessa - Scheda
Scheda | Strutture | Itinerari | Servizi | Gallery | Scuole
Torna Indietro
Riserva Naturale della Bessa

Zoom
Riserva Naturale della Bessa
Superficie (ha) 750
Provvedimenti Isitutivi L.R. 19 29/6/2009
Elenco Ufficiale AP EUAP0349
Riconoscimenti NATURA 2000 - ZSC "IT1130001 Bessa
Regioni Piemonte
Province Biella, Novara, Vercelli
Comuni associatiBenna, Brusnengo, Candelo, Castelletto Cervo, Cavaglio d'Agogna, Cavallirio, Cossato, Fontaneto d'Agogna, Gattinara, Ghemme, Lenta, Lozzolo, Massazza, Masserano, Mottalciata, Roasio, Romagnano Sesia, Rovasenda, Salussola, Verrone, Villanova Biellese
La Riserva Naturale della Bessa è situata allo sbocco della Val d’Aosta e alla base delle pendici meridionali delle Alpi Biellesi. Il giacimento aurifero della Bessa si formò da depositi morenici ricchi di oro trasportati dall’ espansione dei ghiacciai valdostani avvenuta a partire da 1 milione di anni fa. La presenza su molti di questi massi di incisioni rupestri attesta una intensa frequentazione protostorica. La Bessa è considerata la più importante miniera d’oro romana di età Repubblicana. Due suggerimenti di visita: il sentiero pedonale Ciapei parfundà, e l’imponente e misterioso Roc Malegn. In comune di Cerrione si incontra l’itinerario “storico” del Parco: percorre la parte meridionale della Bessa di grande interesse per il ritrovamento avvenuto nel 1997 di una stele antropomorfa, unico esemplare presente nel biellese.